Menu
TECNOPOLIS, società di ingegneria di Bologna, è specializzata nella progettazione di strutture direzionali, commerciali, industriali e logistiche.

Coop Italia

Casalecchio di Reno (Bologna)

Ristrutturazione atrio e sale riunioni

L’intervento di ristrutturazione di atrio e sale riunioni della sede di Coop Italia è stato guidato da due esigenze prioritarie:

  • Rinnovare l’immagine dell’azienda
  • Risolvere le criticità distributive dell’atrio attraverso la riconfigurazione degli spazi

Per soddisfare la prima esigenza sono stati eliminati gli arredi esistenti in legno scuro e le pareti mobili di colore verde; è stato inoltre realizzato un nuovo banco reception caratterizzato dal contrasto tra vetro e pietra, sottolineato da una sottile linea di luce. Una quinta in lamelle in grado di garantire tranquillità e riservatezza separa la reception dalla sala attesa, per poi proseguire in orizzontale creando una illuminazione diffusa e rilassante. In quest’ottica anche pavimenti, rivestimenti e controsoffitti di atrio e sale riunioni sono stati sostituiti da materiali più piacevoli ed attuali, ed è stata studiata una nuova illuminazione, al tempo stesso scenica ed efficace, che combina elementi puntuali con lunghe strip luminose.

La sala riunioni è inoltre divisibile in due sale distinte utilizzabili contemporaneamente, grazie agli accessi indipendenti e all’elevato potere fonoisolante garantito dalla parete compattabile e dal controsoffitto.

L’intervento di revamping ha previsto la completa riprogettazione di tutti gli impianti elettrici e meccanici, per adeguarsi alle normative vigenti e per rispondere alle nuove esigenze di Coop Italia, specialmente in ambito multimediale.

 

Riconfigurazione degli spazi

Per soddisfare la seconda esigenza tutta la zona ingresso e reception è stata modificata radicalmente: in precedenza il bancone era posizionato nell’angolo più lontano dall’ingresso e dalle finestre, con un importante cono cieco creato dal pilastro al centro dell’ambiente. La nuova collocazione del banco a ridosso della parete esterna permette al personale di beneficiare della luce naturale, e favorisce il controllo dell’ingresso.

Lo spostamento della bussola di ingresso nel portico antistante ha inoltre permesso di utilizzare l’uscita di emergenza già esistente per accedere alla sala riunioni più piccola senza dover uscire all’esterno. In caso di utilizzo contemporaneo delle due sale riunioni, è quindi possibile accedere indipendentemente ad entrambe le sale.